domenica 20 gennaio 2019

Educazione alla cittadinanza: depositate le firme di Bareggio 2013 a sostegno della proposta di legge

«Le oltre 140 firme raccolte nei gazebo della Lista/Comitato Bareggio 2013 sono parte – commentano Stefano Capitanio, Sara Galli, Davide Casorati, Massimiliano Grassi, Matteo Calati, Max Ravelli, Valentina Malini e Monica Gibillini - delle 78.000 sottoscrizioni depositate dall’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) alla Camera dei Deputati per l’avvio dell’iter parlamentare che ha lo scopo di riportare tra i banchi di scuola l’educazione alla cittadinanza, meglio conosciuta come educazione civica.
Con i nostri gazebo abbiamo contribuito a promuovere la conoscenza dell’iniziativa e l’adesione alla stessa. All’anagrafe comunale sono state raccolte un’altra decina di sottoscrizioni. Abbiamo anche avuto modo di confrontarci con l’ANPI locale sul tema, che a sua volta ha raccolto altre adesioni.
Dall'anno scolastico 2010/2011 l'insegnamento dovrebbe infatti essere presente in tutti gli istituti di ogni ordine e grado all'interno delle materie di italiano o storia e geografia, ma in pratica non sempre è così.
Oltre allo studio dei principi fondamentali della Costituzione e di quelli della vita democratica (diritti e doveri, libertà, senso civico e giustizia), la proposta di legge prevede anche lo studio dell’educazione ambientale e alla legalità».
«Condividiamo - commenta il Consigliere comunale della Lista Civica Bareggio 2013, Monica Gibillini - quanto afferma il Presidente dell’ANCI: l’educazione civica contribuisce a formare cittadini che si assumono un pezzo di responsabilità nella cura della propria città e non si limitano a pretendere servizi da chi amministra o pensano che il problema sia sempre qualcun altro (per esempio il vicino incivile o il netturbino poco efficiente).
Con l’introduzione dell’educazione alla cittadinanza come materia con voto autonomo si ha una possibilità costante di formare gli alunni. Se infatti per esempio l’educazione ambientale non è mai mancata nei progetti comunali integrativi alla didattica ministeriale nelle scuole, quella alla legalità ha avuto a volte progetti specificamente dedicati con formatori ad hoc, in aggiunta a quelli delle forze dell’ordine, altre volte no».

mercoledì 10 ottobre 2018

Pulizia strade: 3 anni dopo il nuovo appalto.


Il Comune nel 2015 ha aggiudicato il servizio di pulizia strade, parcheggi e aree pubbliche al Consorzio Sinergie, fino al 30 settembre 2020 e per oltre 1,5 mln di euro.
La pulizia delle strade è a totale carico dei cittadini, la spesa è infatti inserita nell'avviso di pagamento della tariffa rifiuti (TARI). Quest'anno il costo preventivato nel Piano Finanziario della TARI per la pulizia di strade e parchi è di 333.000€, che se diviso sui giorni dell'anno arriva a più di 900€ al giorno.
Lo stato di scarsa pulizia delle strade è evidente, anche se dal mese di luglio è migliorato in alcune zone del paese.
Abbiamo consultato sul sito del Comune il calendario dello spazzamento strade che, nonostante le nostre richieste alla precedente Giunta, non è mai stato distribuito ai cittadini per favorire un maggior controllo. Mettiamo a disposizione il calendario e ti invitiamo a segnalarci – agli indirizzi email comitatobareggio2013@gmail.com o info@monicagibillini.it – lo stato di pulizia o non pulizia della zona in cui abiti o che frequenti, per aiutarci a fare il punto della situazione dopo 3 anni dall'appalto.

sabato 6 ottobre 2018

Introduzione dell'educazione alla cittadinanza: raccolta firme, domenica 7 ottobre 2018, Piazza Cavour, dalle 9 alle 12


L’iniziativa di legge popolare promossa dall’Associazione Nazionale deiComuni Italiani (ANCI) mira a introdurre l’insegnamento dell’educazione alla cittadinanza come materia con voto autonomo. In sintesi la proposta prevede:
· - l’istituzione dell’insegnamento dell’educazione alla cittadinanza, anche senza modificare il monte ore annuale attraverso la rimodulazione degli orari delle discipline storico-filosofico-giuridiche;
·      - lo studio della Costituzione e delle Istituzioni dello Stato italiano e dell’Unione Europea, elementi di educazione civica, diritti umani, educazione digitale e ambientale, elementi fondamentali di diritto e diritto del lavoro, educazione alla legalità, oltre ai fondamentali principi e valori della società democratica (diritti e doveri, libertà e suoi simili, il senso civico, la giustizia);
·     - affida ai Comuni il compito di promuovere iniziative di integrazione dell’offerta formativa delle scuole, con riguardo alla conoscenza del funzionamento delle Amministrazioni comunali.
Condividiamo la proposta e sosteniamo la raccolta firme. Inoltre, a livello comunale abbiamo proposto il progetto del Consiglio Comunale dei Ragazzi, che la Giunta ha accolto dall’anno scolastico 2019/2020.