venerdì 29 luglio 2022

Mensa scolastica: verso una proroga del servizio con l'attuale gestore, in attesa della gara

Il contratto tra il Comune e la società Gemeaz Elior S.p.a. (ora Elior Ristorazione S.p.a.) che gestisce la mensa delle scuole di Bareggio e San Martino, oltre a fornire i pasti per il nido comunale e quelli a domicilio per gli anziani scadrà il prossimo 2 settembre.

L’originaria scadenza contrattuale fissata per il 31 marzo è, infatti, stata rideterminata dal Comune, fissandola al 2 settembre per via delle sospensioni del servizio causate dalla pandemia da Covid-19.

Tra novembre e dicembre 2021 nel bilancio comunale sono stati stanziati 20.000 euro per progettare il nuovo bando e sostenere le spese di pubblicazione dello stesso.

«Approssimandosi la scadenza del contratto in essere per ricevere maggiori informazioni ho presentato un’interrogazione al Sindaco, afferma il Consigliere comunale della Lista civica Bareggio2013, Monica Gibillini.

In particolare, con l’interrogazione si chiede di conoscere quali sono gli indirizzi resi dalla Giunta comunale sul nuovo servizio, come è stata coinvolta la Commissione mensa tenuto conto che il regolamento per il funzionamento della stessa prevede un ruolo consultivo della stessa sulla definizione del progetto messo a gara nonché le tempistiche ipotizzate per conoscere chi sarà il nuovo gestore del servizio.

La risposta all’interrogazione dovrà essere resa entro il 24 agosto.

Nella seduta del Consiglio comunale del 28 luglio, l’Assessore alle Scuole e Istruzione ha riferito della proroga in attesa della pubblicazione del bando di gara».

«Trattandosi di un servizio importante per le famiglie utenti delle scuole – commenta Elena Oldani del Comitato Bareggio2013 – auspichiamo che le stesse possano conoscere al più presto le condizioni indicate dall’Amministrazione comunale per individuare il nuovo gestore».


venerdì 15 luglio 2022

Asfaltature e parchi: il tempo stringe e le elezioni si avvicinano!

«La maggioranza si è decisa a “mettere mano al portafoglio” in maniera significativa per asfaltare le strade e intervenire su alcuni parchi di Bareggio e San Martino – commenta Max Ravelli della Lista Civica Bareggio2013».

Non tutti i cittadini sanno che dal 2018 il Comune ha avuto a disposizione oltre 5 milioni di euro di avanzo di bilancio spendibile per spese per investimenti.

«Fino ad allora, infatti - commenta il consigliere della lista civica Bareggio2013, Monica Gibillini - i vincoli delle leggi statali impedivano al Comune di usare parte delle sue entrate per investimenti (lavori su strade, scuole, palestre e parchi). Lo Stato obbligava il Comune a conservare le risorse per ridurre il proprio debito oppure accantonarle nel bilancio come garanzia per l’elevato indebitamento statale. Tra il 2009 e il 2017 il Comune ha, infatti, estinto anticipatamente 12 milioni di euro di mutui contratti fino al 2008 per strade, scuole, parchi e cimitero.

Nel 2018 pertanto la Giunta Colombo si è trovata un bilancio senza debiti e con la possibilità di spendere il cospicuo “tesoretto” accumulato per i vincoli statali».

«Viene da chiedersi quindi per quale motivo si sia atteso 4 anni per progettare e realizzare 1 milione di euro di interventi sulle strade e sostituire i giochi nei parchi – commenta Davide Casorati della Lista Civica Bareggio2013 – soltanto dunque alla fine della legislatura, alla vigilia delle nuove elezioni del 2023.

È evidente la volontà della maggioranza di dare priorità all'edilizia e urbanistica. Il nuovo Piano di governo del territorio è infatti stato definitivamente approvato nel 2021 nonostante l'emergenza Codiv-19.

In ogni caso è importante che le manutenzioni delle strade e parchi vengano fatte perché il paese ha bisogno di decoro e la scelta di gestire i cantieri in estate per ridurre il disagio dei cittadini è una buona scelta.

Tuttavia, è stata persa un’occasione a favore della partecipazione dei cittadini che dal 2019 hanno presentato osservazioni al Piano delle Opere pubbliche chiedendo interventi sulle strade di via Vigevano, un tratto di via Battisti, Andrea Doria e via Primo Maggio. In particolare, l’introduzione del senso unico in via Matteotti da parte della Giunta comunale ha aumentato il carico di traffico viabilistico su via Primo Maggio logorandone l’asfalto.

Le segnalazioni presentate dai cittadini – sino ad oggi ignorate – meritano di essere considerate».

martedì 5 luglio 2022

Divieto di accesso negli orari notturni nei parchi non recintati: dov’è l’ordinanza comunale?

Tutti i parchi non recintati di Bareggio e San Martino si trovano nel centro abitato a ridosso di civili abitazioni e l’attività rumorosa è potenzialmente idonea ad arrecare disturbo al riposo e alle occupazioni di un numero indeterminato di persone.

Non ci sono disposizioni che limitano la fruibilità dei parchi pubblici non recintati in orari notturni o comunque destinati al riposo delle persone.

Queste considerazioni sono le premesse delle ordinanze del Comandante della Polizia Locale di luglio 2020 e giugno 2021, con cui veniva disposto, fino al 30 settembre, il divieto di accedere ai parchi pubblici non recintati dalle ore 14.00 alle ore 16.30 e dalle ore 22.00 alle ore 24.00 e dalle ore 00.00 alle ore 07.00. Nelle ordinanze si legge anche si procederà in tal senso a modificare il regolamento di polizia urbana.

Tuttavia, il regolamento di polizia urbana non è poi stato modificato, e, soprattutto, al momento, per l’estate in corso l’ordinanza non è adottata.

«Abbiamo nuovamente presentato un’interrogazione, come già fatto lo scorso anno – commenta Max Ravelli della Lista civica Bareggio2013 – tramite il nostro Consigliere comunale, Monica Gibillini, per conoscere il motivo per cui l’Amministrazione comunale pur ritenendo efficace l’ordinanza comunale che nelle due estati passate ha limitato gli orari di accesso ai parchi pubblici non recintati non l’ha ancora adottata e per conoscere quando verrà adottata. Inoltre, chiediamo di conoscere a che punto sono le attività di modifica del Regolamento di polizia urbana».

«Uno dei parchi non recintati, il parco Vecchio Ciliegio – Elena Oldani del Comitato Bareggio 2013 – è al buio da settimane, pertanto la sua situazione di sera e di notte presenta problematiche di sicurezza.

L’Associazione che si occupa del parco ha da tempo segnalato la situazione al Comune senza ricevere riscontro, nell’interrogazione chiediamo altresì all’Amministrazione comunale di conoscere le cause del guasto e i tempi in cui si intende intervenire».

L’Amministrazione comunale dovrà rendere la propria risposta scritta entro 30 giorni.

venerdì 1 luglio 2022

Nuova gestione raccolta rifiuti e spazzamento strade: la parola ai bareggesi

Da un paio di mesi la gestione dei servizi di igiene ambientale di Bareggio e San Martino (raccolta rifiuti e spazzamento strade) è stata affidata dal Comune a una nuova società fino al 2032. Si tratta di AMAGA S.p.a. con sede ad Abbiategrasso, società di cui il Comune è socio.

La società si occupa anche dello sportello utenti e dell’emissione delle bollette della tariffa rifiuti (TARI).

«Visti l’importanza dei servizi gestiti dalla società e il loro costo interamente pagato dai cittadini con la TARI – commenta Gianluca Grassi di Comitato Bareggio 2013 – abbiamo voluto conoscere la prima esperienza dei bareggesi attraverso qualche breve domanda che gli abbiamo rivolto al nostro gazebo in occasione della Festa delle ciliegie e poi con un sondaggio on-line».

All’indagine di gradimento, composta da diverse domande hanno risposto più di un centinaio di cittadini.

Dalle risposte emerge che buona parte dei cittadini non hanno ancora avuto necessità né di chiamare il numero telefonico dedicato alle segnalazioni e prenotazioni, né di rivolgersi allo sportello.

Tra chi ha contattato il numero telefonico circa la metà si è detto soddisfatto, mentre l’altra metà degli utenti non soddisfatti segnala la difficoltà di trovare la linea libera e di non venire poi ricontattato quando viene lasciato un messaggio nella segreteria telefonica.

Riguardo allo Sportello utenti invece non manca chi segnala orari più compatibili con le esigenze lavorative.

Sul servizio di ritiro degli sfalci del verde la maggioranza dei partecipanti all’indagine non ne usufruisce, mentre tra chi ha risposto e ne usufruisce racconta un’esperienza negativa sulle tempistiche di ritiro.

Alla domanda “ritieni utile che la bolletta TARI venga consegnata almeno 30 giorni prima della scadenza? La risposta favorevole è stata pressoché unanime.

La quasi totale unanimità si è altresì espressa per la necessità di mettere a disposizione dei bareggesi un calendario sulla pulizia strade con i giorni in cui la spazzatrice e gli operatori devono pulire, nonché di posizionare cartelli fissi di divieto di sosta nei parcheggi in base al calendario della spazzatrice.

Chi ha voluto lasciare un commento libero, chiede la pulizia delle strade e dei marciapiedi (malerbe comprese) anche nelle zone periferiche del paese e più sensibilizzazione del senso civico dei cittadini sia per una corretta raccolta rifiuti sia per il decoro urbano.

Infine, un’altra richiesta è quella di invitare gli addetti alla raccolta rifiuti a pulire laddove un sacchetto si dovesse accidentalmente rompere durante il recupero dello stesso.

«Ringraziamo i cittadini che sono stati disponibili e partecipare all’indagine – commenta Matteo Calati della Lista civica Bareggio 2013 – e offriamo l’esito della stessa all’Amministrazione comunale come un piccolo e semplice contributo per sensibilizzare la nuova società a migliorare i servizi tenuto anche conto dell’aumento della TARI per l’anno 2022 come già emerso nel Consiglio comunale di fine maggio scorso».

«Il decoro urbano per via dello stato di non pulizia delle strade è un obiettivo ancora da conseguire – commenta Max Ravelli della Lista civica Bareggio 2013 – è necessario che il Comune porti a conoscenza dei cittadini il calendario di pulizia delle strade per far conoscere cosa sta facendo la società e soprattutto per coinvolgere i cittadini nella vigilanza su questo servizio che costa ai bareggesi oltre 300.000 euro all’anno».

 

mercoledì 1 giugno 2022

Cimitero: collaudati i nuovi loculi e ossari, dovrebbero essere utilizzabili da giugno

Nel Consiglio comunale del 31 maggio è stata discussa l’interrogazione che abbiamo
presentato per conoscere la situazione dei nuovi loculi
(116) e ossari/cinerari (96)  realizzati al cimitero ma non ancora utilizzabili.


Il Sindaco rispondendo alla nostra interrogazione ha informato che il collaudo statico è terminato in data 24 maggio u.s. mentre il certificato di regolare esecuzione è stato rilasciato in data 20 maggio. Occorre ora un atto dell’ufficio tecnico comunale che deve tuttavia attendere la decorrenza dei 10 giorni di pubblicazione dell’avviso ai potenziali aventi causa delle imprese che hanno realizzato i loculi. Se entro il 6 giugno nessun soggetto vanterà alcunché nei confronti delle imprese l’ufficio lavori pubblici del Comune potrà assumere l’atto che consente alle imprese concessionarie del cimitero di vendere e consegnare i nuovi loculi e cinerari.

«Il 6 giugno prossimo – commenta il Consigliere comunale della Lista civica Bareggio2013, Monica Gibillini – scade l’incarico all’attuale responsabile dell’ufficio lavori pubblici del Comune sarà pertanto necessario che prima della nomina del nuovo responsabile quello attuale provveda ad assumere l’atto che consentirà la vendita dei nuovi loculi e cinerari per evitare ulteriori lungaggini di questa vicenda. I loculi sono terminati a maggio 2020, ad aggravare il disagio a fine febbraio 2022 sono state effettuate esumazioni senza avere la disponibilità dei cinerari.

Inoltre, nella discussione dell’interrogazione non è stato chiarito se le imprese dovranno essere sanzionate per aver realizzato in ritardo, rispetto a quanto previsto nel bando e nel contratto, le nuove sepolture.

Loculi e ossari dovevano, infatti, essere pronti entro dicembre 2021.

Con l’occasione ho rinnovato la segnalazione del cornicione caduto la scorsa settimana da alcuni loculi del blocco 18/A chiedendo a chi compete l’intervento di riparazione: al Comune oppure alle imprese concessionarie del cimitero? Aspettiamo risposta».

«Finalmente un po’ di chiarezza – commenta Davide Casorati della Lista civica Bareggio 2013 –sull’iter burocratico necessario per consegnare le nuove sepolture e mettere fine al disagio che diverse famiglie stanno subendo».