venerdì 16 luglio 2021

La variante generale di PGT sacrifica una parte dell’area verde di via I° maggio

Nella variante generale di Piano di Governo del Territorio (PGT) adottata nel Consiglio comunale del 31 maggio con il voto favorevole della maggioranza, contrarie le opposizioni, è, tra l’altro, previsto un cambio di destinazione urbanistica di una parte importante del “pratone” di via I Maggio: da servizi pubblici a edilizia residenziale privata.

In particolare, la variante adottata prevede il trasferimento di parte dei diritti volumetrici riconosciuti al comproprietario privato dell’ambito di trasformazione AT1 Ex Cartiera sull’area di proprietà comunale in Via I° Maggio, con una superficie territoriale interessata di 4.500 mq (salvo verifica in fase attuativa) e 54 abitanti teorici previsti.

Fino al 7 agosto cittadini, associazioni e qualunque portatore di interessi possono presentare osservazioni sulla variante generale di Piano di Governo del Territorio, su ciascuna osservazione dovrà poi esprimersi, con il voto, il Consiglio comunale in sede di approvazione definitiva del Piano.

«Diversi cittadini condividono la necessità di mantenere il pratone di via I Maggio destinato a servizi/verde pubblico – commenta il Consigliere comunale della Lista civica Bareggio2013, Monica Gibillini –considerata la densità abitativa di via I Maggio quasi interamente circondata da palazzi. Questo spazio è pubblico perché è stato ceduto al Comune come standard in occasione della costruzione delle palazzine tra il 2005 e il 2008 e il Piano di Governo del territorio del 2008 lo aveva individuato come area per la piscina. Il pratone è vissuto dai bareggesi come area di svago e la sua riqualificazione come verde pubblico attrezzato permetterebbe di lasciare questo pezzo del territorio bareggese all'uso per il tempo libero dei bareggesi. La previsione di nuove abitazioni nel nuovo PGT non manca (ci sono altri 6 Piani attuativi per un totale di oltre 26.000 mq di abitazioni) e mantenere tutta l'area a servizi o verde attrezzato è sicuramente la scelta migliore per la vivibilità non solo del quartiere ma di tutto il paese»

«In vista della presentazione di osservazioni – commenta Max Ravelli della Lista civica Bareggio 2013 – abbiamo organizzato dei gazebo per confrontarci con i cittadini sulla variante generale di PGT considerate le scelte contenute nello stesso che segneranno, in modo importante, il futuro di Bareggio e San Martino per i prossimi anni.

Invitiamo pertanto i cittadini al nostro gazebo di sabato 17 luglio, dalle ore 9 alle 12.00 in via Girotti, angolo via I Maggio (zona negozi), per informarli sulla variante e per condividere l’osservazione che chiede di preservare l’area verde di via I Maggio conservandone la destinazione a servizi e verde pubblico».

domenica 27 giugno 2021

Parco di via Matteotti: quale futuro? Il Sindaco risponde

All’interrogazione che ha presentato il Consigliere comunale della Lista civica Bareggio2013, Monica Gibillini, sul parco Gandhi è arrivata, nei giorni scorsi, la risposta del Sindaco.

Dal riscontro emerge che il gestore del bar ha difficoltà a rispettare gli impegni assunti nei confronti del Comune con il contratto di affitto del bar stesso. In particolare, le proposte di investimento – sulla cura del prato erboso, con possibile piantumazione di fiori di varie specie per l’abbellimento estetico del parco, il ripristino dei lampioni già presenti, la riqualificazione e manutenzione di cestini e panchine – non sono ancora state realizzate nonostante siano già trascorsi 5 anni e mezzo dalla firma del contratto, in scadenza a dicembre prossimo.

Inoltre, il gestore, si legge nelle risposte del Sindaco, non sempre rispetta gli orari di chiusura del parco e il Comune valuta che il decoro e la pulizia del parco sono sufficienti a periodi alterni. Il canone di affitto annuale (4.000 euro) risulterebbe regolarmente versato.

Infine, “l’Amministrazione comunale ha avviato un’interlocuzione per un’eventuale disdetta”.

«Se da un lato finalmente, dopo le numerose segnalazioni sia dei cittadini sia nostre, l’Amministrazione comunale sembra inizi a rendersi conto che il parco non è adeguatamente curato - commenta Max Ravelli della Lista civica Bareggio2013 – ci chiediamo cosa intende fare il Comune per far sì che, prima della scadenza del contratto, il gestore realizzi gli investimenti su cui si era impegnato.

Se questo non avverrà quali azioni intraprenderà il Comune?

Con il gestore del Centro Sportivo Facchetti la decisione del Comune di risolvere l’affidamento è stata immediata, per il Parco Ghandi invece no. Perché due pesi e due misure?

Ci auguriamo di vedere presto gli interventi che restano da realizzare nel parco a carico del gestore!».


martedì 15 giugno 2021

Parchi non recintati: a breve l’ordinanza che regolerà gli orari di accesso per l’estate

Nella seduta del Consiglio comunale di lunedì 14 giugno in risposta all’interrogazione del nostro Consigliere comunale Monica Gibillini, il Sindaco ha annunciato che entro lunedì 21 giugno verrà adottata l’ordinanza con cui il Comune rinnoverà anche per l’estate 2021 i limiti orari di accesso ai parchi pubblici non recintati.

Questi parchi si trovano a ridosso delle abitazioni e se da un lato è bello vederli animati dai ragazzi, dall’altro lato occorre rispettare la tranquillità di chi abita a ridosso dei parchi stessi. In estate infatti diversi di questi spazi all’aperto sono frequentati per tutto il giorno e per buona parte della sera.

Nel 2020 per la prima volta è stata adottata l’ordinanza del Comandante della Polizia che introduceva il divieto di accesso ai parchi in alcuni orari dalle ore 14.00 alle ore 16.30 e dalle ore 22.00 alle ore 24.00 e dalle ore 00.00 alle ore 07.00 – il Sindaco ha risposto alla nostra domanda su se e quali benefici ci sono stati: una maggiore possibilità di controllo da parte della Polizia locale e dei Carabinieri soprattutto negli orari serali.

Per l’introduzione di questi limiti orari in via definitiva nel regolamento di polizia urbana, il Sindaco ha riferito che occorrerà attendere il 2022.

«Siamo parzialmente soddisfatti delle risposte ricevute – commenta Max Ravelli della Lista civica Bareggio2013 – ci sembra infatti positiva la volontà di rinnovare l’ordinanza già adottata nell’estate 2020 e la conferma dell’intenzione di rendere questi limiti orari definitivi.

Ora attendiamo in fatti!».

domenica 13 giugno 2021

L’estate è arrivata: il Comune rinnoverà il divieto di accesso negli orari notturni nei parchi non recintati?

Tutti i parchi non recintati di Bareggio e San Martino si trovano nel centro abitato a ridosso di civili abitazioni e l’attività rumorosa è potenzialmente idonea ad arrecare disturbo al riposo e alle occupazioni di un numero indeterminato di persone

Non ci sono disposizioni che limitano la fruibilità dei parchi pubblici non recintati in orari notturni o comunque destinati al riposo delle persone.

Queste considerazioni sono le premesse dell’ordinanza del Comandante della Polizia Locale del 23 luglio 2020, con cui veniva disposto, fino al 30 settembre 2020, il divieto di accedere ai parchi pubblici non recintati dalle ore 14.00 alle ore 16.30 e dalle ore 22.00 alle ore 24.00 e dalle ore 00.00 alle ore 07.00. Nell’ordinanza si legge anche si procederà in tal senso a modificare il regolamento di polizia urbana.

Tuttavia, dallo scorso anno il regolamento di polizia urbana non è stato modificato, e , al momento, l’ordinanza non è stata riproposta.

Abbiamo pertanto presentato un’interrogazione – commenta Max Ravelli della Lista civica Bareggio2013 – tramite il nostro Consigliere comunale, Monica Gibillini, per conoscere le valutazioni dell’Amministrazione comunale sull’efficacia dell’ordinanza comunale che nell’estate 2020 ha limitato gli orari di accesso ai parchi pubblici non recintati e sapere se verrà riproposta per questa estate. Inoltre, chiediamo di conoscere quando verrà modifica il Regolamento di polizia urbana».

L’interrogazione verrà discussa nel Consiglio comunale del 14 giugno 2021.

giovedì 27 maggio 2021

Parco di via Matteotti: quale futuro?

Parco Ghandi 1973

 A fine anno scade il contratto di locazione con il gestore del bar del parco di via Matteotti a Bareggio.

Abbiamo allora presentato un’interrogazione al Sindaco per conoscere se il Comune ha inviato disdetta al gestore oppure ha già rinnovato il contratto.

«Con l’occasione abbiamo richiamato l’attenzione dell’Amministrazione comunale - commenta Max Ravelli della Lista civica Bareggio2013 – sugli impegni presi dal gestore con il contratto e che non sembrano essere ancora stati realizzati. In particolare:

  • la cura del prato erboso, con valutazione di possibile piantumazione di fiori di varie specie in funzione di abbellimento estetico del parco
  • il ripristino dei lampioni esistenti
  • la riqualificazione e manutenzione delle strutture di arredo urbano esistente, cestini e panchine.

Si tratta di interventi su cui avevamo già inviato segnalazioni al Comune un paio di anni fa ma ora che il contratto sta terminando occorre far rispettare questi impegni presi dal gestore insieme all’apertura e chiusura del parco, alla sua pulizia nonché del pagamento di un canone di affitto annuale di 4.000 euro».

«Tra i tanti parchi di Bareggio e San Martino quello di via Matteotti è particolarmente frequentato dai bareggesi – commenta Elena Oldani del Comitato Bareggio 2013 – per la sua vicinanza alle scuole Fracassi, elementari e medie di Bareggio perciò merita davvero di essere riqualificato dal Comune e curato nella sua quotidianità.

Sarebbe davvero bello riportarlo al decoro e allo splendore di un tempo seppur con arredi e giochi all’avanguardia.

In questa fotografia del 1973, giorno della sua inaugurazione, era davvero meraviglioso!»

Aspettiamo una risposta concreta all’interrogazione presentata dal nostro Consigliere comunale, Monica Gibillini.

 

 

 http://www.monicagibillini.it/web/wp-content/uploads/20210520_210826.jpg